Home > Blog > Bottoms Up. Designing Complex, Adaptive Systems

Bottoms Up. Designing Complex, Adaptive Systems

Un illuminante articolo di Morville mette in guardia dai pericoli del riduzionismo nel redesign dei siti, ribadendo la necessità di un approccio olistico e integrato alla progettazione.

Morville illustra come le due strategie cosiddette Top-Down e Bottom-Up debbano fondersi e bilanciarsi a vicenda. Tuttavia, data la complessità dei siti attuali, è oggi più che mai necessario un approccio iniziale che parta dall’analisi dell’esistente, attraverso una solida procedura Bottom-Up:

At the very bottom of each site sits the content that users spend time trying to find. We must immerse ourselves in this messy reality before we can craft workable solutions. A bottom-up approach will help us do that.

La differenza fra i due approcci consiste nella domanda che essi pongono al progettista:

populating a top-down taxonomy, the central question is “where do I put this?”, but at the heart of the bottom-up approach is the question “how do I describe this?” […] Where the top-down question evokes a single answer, the bottom-up question suggests many answers.

Ma attenzione: questo approccio non deve essere disgiunto da una visione globale del contesto in cui si opera (the big picture), pena il ridursi di tutto il lavoro a una astratta quanto inutile tassonomia. Ecco perché Morville, e altri con lui, mettono in guardia da sterili procedure in voga presso molte aziende:

many Web and intranet managers have embarked on a long, painful, and doomed journey to build a single, all-purpose enterprise taxonomy.

L’articolo originale non è più in linea, ma è possibile recuperarne i concetti di fondo in un altro scritto dello stesso Morville dal titolo Innovation Architecture.