Home > Blog > Semantic applications, or revenge of the librarians

Semantic applications, or revenge of the librarians

Così titola l’articolo di David Moschella che appare questo mese nel Darwin magazine. Le semantic applications rappresentano per molti la nuova frontiera del web.

The real future of technology rests on the concept of standardizing human language, not computer programs. And that puts the customer in total control.

Per garantire la piena interoperabilità dei contenuti web (i.e. la loro portabilità da sistema a sistema e da dispositivo a dispositivo – pc, palmari, cellulari etc.) è necessario introdurre nella codifica dei contenuti stessi un livello semantico.

Per questo Tim Berners Lee (che l’articolo definisce il primo vero architetto dell’informazione del web), e il W3C che egli dirige, spingono verso un markup che separi sempre più la struttura (semantica) dei dati dalla loro presentazione visuale (stile). Questo concetto, raccomandato già a partire dalle ultime versioni di HTML, e ora ancor più marcato in XML e XHTML, costituisce l’anticamera del concetto di Web Semantico. Quest’ultimo, a sua volta, segna la riscossa del linguaggio naturale e della biblioteconomia sulla tecnologia.

È nella costruzione di standard semantici e di architettura dell’informazione (standard per metadati, ontologie e tassonomie) che si gioca il futuro del web.

To achieve true computer-to-computer interoperability, business terminology itself has to become much more standardized. And it is here that the concept of semantic applications starts to emerge. Intelligent applications require that two different computers effectively “understand” each other, a fundamental change from the way the Web operates today.

[…] Tim Berners-Lee, the primary architect of today’s Web, and now the director of the W3C […] Since the late 1990s, […] has been using the phrase semantic Web to describe a Web increasingly capable of interpreting its vast range of content. The range of possible semantic Web applications includes improved search systems that could, for example, reliably distinguish a request for a high school photograph of Martin Luther King, Jr. from a request for a photograph of Martin Luther King Junior High School.

L’articolo completo: Semantic Applications, or Revenge of the Librarians [l’articolo non è più online, la rivista ha chiuso].