Home > Blog > Thesaurus Italiano Infanzia e Adolescenza

Thesaurus Italiano Infanzia e Adolescenza

Il Thesaurus Italiano Infanzia e Adolescenza è importante per due motivi: costituisce uno standard di riferimento per chi opera nel settore; costituisce un ottimo esempio di funzionamento di un thesaurus (chiaramente descritto) per chi a vario titolo si occupa di classificazione.

Cosa

Il Th.I.A. Thesaurus Italiano Infanzia e Adolescenza è un thesaurus monolingue ed è stato realizzato impiegando come riferimento principale la norma ISO 2788-1986 per la costruzione e lo sviluppo di thesauri monolingue. […] Il thesaurus è stato costruito partendo dalla lista dei termini usati per l’indicizzazione dei documenti e pertanto è stato seguito il metodo induttivo, dal basso in alto (Maccelli, Massacesi e Schena, Introduzione, p. 11).

Come

Un thesaurus è il risultato di un lavoro di classificazione svolto a monte. Da questo punto di vista, il Thesaurus Italiano Infanzia e Adolescenza presenta una struttura mista:

  1. poligerarchica, al primo livello
  2. a faccette, al secondo.

Poligerarchia

Il Th.I.A. si compone di 2953 termini preferiti e ha una struttura poligerarchica, cioè ammette che certi termini possano avere legami con più di un termine sovraordinato. […] La struttura del thesaurus si basa su sette ambiti tematici (Cultura, Educazione, Infanzia e adolescenza, Istituzioni, Processi psicologici, Salute, Società) […] Si è scelto di non organizzare la materia soltanto per faccette in quanto, pur essendo questo il metodo più rigoroso di compilazione di un thesaurus, esso tende a “sparpagliare” i concetti che sono normalmente associati a un determinato settore o disciplina, rendendo così la struttura di base meno evidente sia agli indicizzatori che agli utenti. Nel caso del Th.I.A. vi era invece l’esigenza di operare una ricomposizione delle tematiche riguardanti l’infanzia e l’adolescenza che si trovano “disperse” in altri settori e discipline, cercando di costituire un campo concettuale coerente e specifico (pp. 11-12).

Così, ad esempio,

il termine Tribunale per i minorenni trova collocazione sia in Infanzia e adolescenza sotto l’etichetta di nodo [Organi giudiziari minorili], che nell’ambito Istituzioni sottordinato al termine più generale Tribunali (p. 22).

Faccette

Per la costruzione delle strutture del Th.I.A. all’interno degli ambiti tematici si è fatto uso dell’analisi categoriale o categorizzazione dei termini che ha consentito, per ciascun termine, di individuare la categoria fondamentale di appartenenza (es.: azioni, agenti, cose ecc.) e all’interno di essa le caratteristiche di divisione (faccette). La categorizzazione dei termini, pur non essendo esplicitamente espressa al livello di struttura del Thesaurus, è comunque fondamentale per il controllo terminologico del vocabolario, come la scelta della forma singolare e plurale di un termine o la correttezza di una relazione gerarchica.

Pertanto, l’impianto concettuale generale del Th.I.A. può essere così riassunto:

categoria Agenti > Faccette: Organismi, Organizzazioni, Persone e gruppi
categoria Azioni
> Faccette: Attività, Avvenimenti, Discipline, Processi
categoria Cose > Faccette: Oggetti, Strumenti, Credenze e sistemi ideologici, Sostanze, Spazio (pp. 23-24).

Così, ad esempio, l’ambito tematico Educazione è suddiviso in:

  • [Educazione in base ai destinatari]
    • Educazione degli adulti
    • Educazione familiare
  • [Educazione in base al metodo]
    • Educativa territoriale
    • Educazione non formale
    • ecc.

Chi

Il thesaurus è realizzato del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza presso l’Istituto degli Innocenti.

Ringrazio Antonella Schena, Maria Cristina Montanari e Carlo Toccaceli Blasi dell’Istituto degli Innocenti per avermi fatto conoscere questo progetto.

Per approfondire

Thesaurus italiano infanzia e adolescenza (ThIA)